Other

"Un viaggio lungo un mondo": la storia di don Milani conquista il Teatro di Colonnata a Sesto Fiorentino

Lo spettacolo è andato in scena venerdì 24 febbraio
Splendida l’interpretazione di Gionni Voltan
Il commovente ricordo di don Milani

in “Un viaggio lungo un mondo”
conquista il Teatro di Colonnata 
Un’ora e mezzo di emozioni profonde, alla riscoperta dei veri valori cristiani e di un umanesimo che mette gli ultimi al primo posto. Queste sono solo alcune delle sensazioni lasciate al pubblico del Teatro del Circolo Arci-Unione Operaia di Colonnata a Sesto Fiorentino dall’intensa interpretazione di Gionni Voltan nello spettacolo di teatro narrato “Un viaggio lungo un mondo” in cui è stata raccontata la vita di don Lorenzo Milani.
La rappresentazione, giunta alla sua settantesima replica, è stata proposta in concomitanza con la mostra “Don Milani, un prete maestro” – organizzata per celebrare il cinquantesimo della scomparsa del sacerdote fiorentino – in corso di svolgimento nei locali de La Soffitta Spazio delle Arti, storica galleria d’arte posta al secondo piano del Circolo Arci-Unione Operaia di Colonnata.
All’evento ha presenziato l’autrice del testo teatrale, Claudia Cappellini, che ha introdotto lo spettacolo insieme al responsabile del gruppo La Soffitta Spazio delle Arti e presidente del Circolo Arci-Unione Operaia di Colonnata, Francesco Mariani.
“Questa rappresentazione �“ ha spiegato Claudia Cappellini �“ è nata per dare voce a chi ha incontrato don Milani, soprattutto ex allievi della Scuola popolare per giovani operai e contadini di San Donato di Calenzano. E’ stata presentata per la prima volta proprio sul sagrato della chiesa di San Donato nel 2011 e certamente non potevamo immaginare che sarebbe arrivata, a Colonnata, alla sua settantesima replica”.
“Per noi è un momento speciale �“ ha chiosato Mariani �“ perché con questo evento teatrale completiamo un percorso dedicato a don Lorenzo Milani iniziato con la mostra fotografica ‘Don Milani, un prete maestro’ e proseguito con il convegno ‘Dentro l’opera di don Milani’ di giovedì 23 febbraio al quale hanno partecipato relatori illustri e testimoni diretti delle esperienze di San Donato di Calenzano e Barbiana”.
Gionni Voltan, regista e narratore, prima di iniziare ha voluto svelare che “la scenografia include quattro sedie vuote. La prima sera, a San Donato, erano occupate dai primi allievi della Scuola popolare: Giovanni, Teopisto, Mario e Maresco. Da allora non le ho più volute togliere e ci accompagnano anche stavolta”.
Foto e musica hanno fatto da sottofondo al racconto della vita di un prete che è stato maestro e profeta per molti. Voltan è partito dal giorno in cui don Lorenzo Milani, ormai sacerdote, ha preso la corriera a Santa Maria Novella per recarsi a San Donato dove l’anziano priore, don Pugi, attendeva il suo nuovo cappellano. L’incontro con i ragazzi della parrocchia, il giro tra le famiglie e la nascita della Scuola popolare sono sembrati, a chi ascoltava, passi naturali per quel giovane di ricca famiglia che aveva scelto di servire Dio in povertà. I sette anni a San Donato sono stati raccontati con energia. Ma è stato solo l’antipasto. Perché il trasferimento a Barbiana, la nascita della nuova scuola per i bambini e i ragazzi del monte Giovi e i tanti aneddoti legati a quell’esperienza sono stati forse ancor più suggestivi. 
Voltan ha accompagnato con maestria la platea sino agli anni finali e più dolorosi della vita di don Milani che ha affrontato la leucemia e un processo per il fatto di aver difeso pubblicamente l’obiezione di coscienza. La descrizione dell’incontro finale con l’amico don Ezio sul letto di morte nella casa fiorentina della famiglia natale è stata toccante. E il prolungato applauso finale ne è stato la giusta conseguenza.
In sala erano presenti due classi del liceo scientifico Agnoletti di Sesto Fiorentino e alcuni ex allievi di don Milani.
  “Siamo andati in scena in chiese, case del popolo, teatri, e soprattutto scuole �“ ha concluso Voltan �“. Ho visto sacerdoti spostare l’altare per farmi recitare e tanti ragazzi seguire affascinati il racconto. Ogni volta appare qualche sfumatura inedita nella recita, ma la cosa che ci fa più piacere è che il messaggio che veicoliamo, che è quello di don Milani, arriva sempre e arriva al cuore”. 
La mostra “Don Milani, un prete maestro” è stata inaugurata il 5 febbraio e resterà aperta sino al 5 marzo con i seguenti orari: feriali 21-23, sabato 10-13, domenica 10,30-12,30 e 16-19, lunedì chiuso. Per le scuole è possibile prenotare visite tutti i giorni della settimana contattando il numero 3356136979.
La Soffitta Spazio delle Arti
 c/o Circolo Arci di Colonnata – Piazza M. Rapisardi, 6 – Sesto Fiorentino (FI)
Ufficio stampa – ufficiostampa@lasoffittaspaziodellearti.it 

Most Popular

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem?

Temporibus autem quibusdam et aut officiis debitis aut rerum necessitatibus saepe eveniet.

Copyright © 2015 A Daily News.

To Top